Scimmiasaki

5.5

Composizione: 5.5
Produzione: 5.5
Testi: 5

 Sciammasaki

È scoinvolgente come gli Scimmiasaki passino dal fare cose giustissime a sbagliare tutto per poi tornare all’ottimo. Queste montagne russe di stile non lasciano una bella sensazione, se non altro per il rimpianto dei picchi che talvolta, più o meno consapevolmente toccano. Ad esempio: ci regalano due secondi di intro di basso ispiratissimo in Noi viviamo in città e poi di quel fugace attimo resta una canzone in cui il riff di chitarra è rubato ai The Offsprings e la linea vocale è banalissima, per non parlare del testo. Poi salta fuori un sinth, bello, seguito da un pippone di inciso “che poi alla fine muori”.

Stessa storia in At Piano: funzionano più gli strumentali che il cantato, falsetto e coretti totalmente inefficaci. Quando pensi di cambiare pezzo ecco che salta fuori un pianoforte che ti obbliga a restare. Inciampa su un rallentamento ma si riprende con un ending che non è tanto originale, ma decisamente gradevole.

Gli intenti ci piacciono, e la ricerca è di buon cuore, questo è innegabile. Si sente la voglia di spaziare ed inventare qualcosa, ma troppo spesso le tracce sembrano un collage di cose già sentite. Il risultato è il più delle volte orecchiabile, ma frustra i tentativi di sperimentalità: ci vuole più consapevolezza nel mettere insieme stili diversi, non basta fare rapidi cambi di direzione per cercare di stupire. A dimostrazione, in Mi faccio sentire il cambio tra il primo minuto e il resto del canzone è abbinato come il parmigliano sull’aglio.

Sciammasaki2

Ci ha assolutamente stupito R. Un pezzo fuori dagli schemi e dalle corde degli Scimmiasaki che però porta fieramente il loro nome. Probabilmente è nato più per divertirsi che per altro, eppure funziona: è breve, incisivo, ti carica e hai voglia di risentirlo. Decisamente NO invece Solamente, con un riff di chitarra sotto il cantato che sembra la musichetta dell’albero di Natale.

Quello che manca di più a questi ragazzi è la maturità e la calma di non forzare i pezzi. La voce e i testi sono un po’ deboli e sembrano voler impremere una sfumatura ska a prescindere dal quanto funzioni. Tutti le soluzioni stilistiche sembrano messe un tanto al chilo, complice anche una produzione non eccelsa e che non si impone mai a limitare o esaltare le varie tracce. Ma si può decisamente migliorare, il talento c’è. Malgrado la quasi sufficienza, ve li consigliamo, se non altro per la freschezza della loro musica, divertente e spensierata.

Dategli un “Like”:

https://www.facebook.com/scimmiasaki/timeline
https://soundcloud.com/scimmiasaki

 

 

 

Annunci

Un pensiero su “Scimmiasaki

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...