Stranivari – Padrone Garzone

5,5

Good: fa venir voglia di ballare
Bad: confuso

stranivari

Folk – Pop

Se cerchi musica fresca da mettere in radio durante un viaggio amerai Padrone Garzone. Se cerchi l’innovazione o l’inno da cantare a squarciagola conviene cercare altri lidi. Tutto è molto è già sentito, a partire da Virus Letale che, almeno nella strofa, è molto, troppo vicina a Mondo Nuovo di Neffa. Dal nome Stranivari forse ci aspettavamo qualcosa di più strano, o se vogliamo, particolare. Continua a leggere

Annunci

Metrognomi – Chiave di volta

6,5

Good: energia e consapevolezza
Bad: un po’ pretenzioso

metrognomi

Rock-pop italiano

Chiave di volta è un disco che poteva essere di più solo facendo qualcosa di meno. Ci sono idee ottime affrontate con una grande aggressività, ad esempio Citronella Pizzicata. Cambi di ritmo, riff elaborati ma mai tanto per… c’è sicuramente del buono. Continua a leggere

Margherita Vicario – Minimal Musical

5

Good: bella voce
Bad: la fissa per la metrica

margherita vicario

Pop cantautoriale

Bisogna ammettere onestamente che Margherita Vicario ci prova. Bisogna anche ammettere che per quanto mi sarebbe piaciuto, non ci riesce un granchè. È un peccato perchè ha veramente una voce gradevole e una buona tecnica, nonchè una discreta dose di energia. Continua a leggere

Hermosa – Big Hallucination

 6.5

God: tante idee
Bad: troppa roba

hermo

Pop – Rock

Il disco si presenta con molte tracce, cosa che mi mette sempre un po’ in allarme. Tuttavia l’inizio è brillante, ogni canzone è diversa e fresca, senza eccessive pretese di colpire e per questo colpisce il giusto. La produzione è semplice e concisa, lascia suonare dei buoni strumentisti e una discreta voce, che ha il pregio apprezzatissimo di azzeccare alla grande la maggior parte delle melodie. Continua a leggere

Il quarto imprevisto – Resti

On iPod: a pezzi

Good: i testi
Bad: pesante

il quarto imprevistoPop – Rock Italiano

Bisogna essere nel mood giusto per spararsi “Resti” senza subire un drastico calo nel tono dell’umore. Questa non vuole essere propriamente una critica, ovvero il valore di un disco non si identifica con la gioia di vivere che ti trasmette. Però questo disco è particolarmente pesante per la riflessività, per i continui e talvolta forzati cambi di scala, e per la lunghezza. Qualche taglio forse andava fatto, sia nel numero delle tracce sia all’interno delle stesse. Continua a leggere

NoiseBuster – Carry Me Home

4,5

Composizione: 5,5
Produzione: 4
Testi: 4
Armonia del disco: 4

noisebuster

Pop Rock

Nel calcio 2 + 2 non fa sempre 4. In musica non fa mai 4. Quindi capita che pezzi mediocri tutto sommato diano un buon disco. Ma è anche possibile che tracce non male riescano a dare un disco insoddisfacente. È questo il caso di Carry Me Home. Nel prodotto si avverte un forte e fastidioso disordine che permea tutto l’ascolto. Continua a leggere

Simone Laurino – 18

5

Composizione: 5
Produzione: 6
Testi: 5,5
Armonia del disco: 5

simone laurino

Pop Cantautoriale

Dire a un cantautore di diciottanni che il suo primo disco non è un prodotto “maturo” è roba da perversi sociopatici. Classe in cui ci rispecchiamo benissimo. Premettiamo che il disco è ben prodotto e discretamente pensato, ma che non ci è piaciuto. Continua a leggere

LEXIE – Starting From Lungs

5,5

Composizione: 5
Produzione: 6,5
Testi: 5,5
Armonia del disco: 6

lexie

Synth Rock/Pop

Starting From Lungs è un EP fresco che si lascia ascoltare con piacere anche se alla lunga vengono a galla dei difetti strutturali che mostrano il prodotto per quello che è: una composizione ancora immatura che si contenta di avere un buon ritmo e una melodia orecchiabile, ma senza pretese di capolavoro. Infatti se ad un primo ascolto è la leggerezza delle tracce a colpire, già dopo una “seconda passata” le soluzioni non stupiscono e gli attacchi sono piuttosto scontati. Continua a leggere

The Noiseland – Dieci

4,5

Composizione: 5
Produzione: 5
Testi: 4
Armonia dell’Ep: 5

the noiseland

Pop Rock Italiano

Dieci non ci ha convinto: è qualcosa che si lascia ascoltare ma che lascia poco dopo l’ascolto. C’è molto della tradizione rock pop italiana, con momenti degli ormai immancabili Fast Animals & Slow Kid, che quasi stiamo odiando per aver monopolizzato il panorama underground. Specchio ad esempio ha delle soluzioni troppo simili a Fammi domande (oltre ad avere la voce un po’ calante). Continua a leggere

Palco Numero Cinque – Carta Straccia

7,5

Composizione: 8
Produzione: 7
Armonia del disco: 6,5
Testi: 7,5

palco numero cinque

 Pop Rock Italiano

Tutto, troppo. Tantissime buone idee, tantissime soluzioni stilistiche, troppi stili, troppa mole di strumenti. Per carità, a trovarne di teste così piene di idee. Il disco inizialmente ci ha piuttosto entusiasmato, ma andando avanti l’ascolto era sempre più faticoso stare dietro ad una quantità immensa di suoni protagonisti e stili vocali. Continua a leggere